Anonim

Scegliere la bici giusta per un evento come la gara BC Bike è fondamentale. Anche il fitness e le abilità tecniche sono essenziali, ma ho visto diversi piloti di punta cadere dalla contesa sul podio quando la fatica di guidare una hardtail per sette giorni su percorsi tecnici implacabili ha svuotato le loro riserve di energia. La mia decisione è stata facile. Sebbene avessi a disposizione un negozio pieno di bici di prova, sono andato con il mio giro personale, il carbonio Santa Cruz Tallboy. Non solo conoscevo quella bici, ma è perfetta per i corsi BC Bike Race. Con 100 mm di escursione, Tallboy ha abbastanza sospensioni per assorbire - e fornire trazione - gli ammassi radicali infiniti, mentre pedala frettolosamente sulle lunghe doppie piste e registra le salite su strada. È rigido, competente per le discese e la luce: la mia bici completa pesa poco più di 25 chili.

1 di 11 ruote: Easton EC90 Carbon

Le radici, le rocce e le discese sostenute della Columbia Britannica possono provocare il caos sulle ruote. Stavo guidando gli EC90 in carbonio leggero di Easton da un po 'di tempo, ma in realtà ho considerato di passare a un set di ruote più pesante per la gara. Il peso di 1.415 grammi dell'Easton, tuttavia, mi ha conquistato. Non solo leggere, le ruote sono veloci da accelerare, rigide e forti. Ho dovuto sostituire un raggio posteriore (dato che il lato guida è sotto una maggiore tensione, è un lavoro che è meglio lasciare ai tecnici di Easton - fortunatamente uno è successo in gara) e stringere il mozzo posteriore dopo la sesta tappa, ma per il resto le ruote resistito a un livello di abuso che poche ruote in carbonio XC potranno mai vedere.

2 di 11 Trasmissione: SRAM X0

Guido questa trasmissione SRAM XO 2x10 da più di un anno ed è stata straordinariamente senza preoccupazioni. La mia unica speranza sarebbe che la mia corsa di corse senza problemi continuasse attraverso le sette tappe della gara. Con una combinazione di corona anteriore 39/26 e 11/36 sparsi nella parte posteriore, il set up ha una vasta gamma di marce che si è dimostrata abbastanza bassa da girare su ripidi sentieri che altri ciclisti hanno camminato e sfrecciare su corridori più lenti in piano, anche se quelli le opportunità erano poche e lontane tra loro. Nonostante alcune fasi iniziali fangose ​​e 200 miglia di corse, la trasmissione ha funzionato in modo così impeccabile che non ho nemmeno dovuto girare un regolatore a botte: mi è sembrato liscio e nitido attraversare il traguardo come era quando è iniziata la gara.

Forcella 3 di 11: Fox F29 32

Alcune settimane prima della gara, ho notato che le guarnizioni di questo modello Fox F29 da 100 mm erano state compromesse e l'olio filtrava nella camera d'aria, limitando la corsa. Dopo una rapida revisione da parte del produttore, la forcella è stata nuovamente morbida ed elastica. Ha tracciato uniformemente su radici scivolose dalla pioggia, ha assorbito colpi ad alta velocità e, grazie allo smorzamento della compressione regolabile e un blocco, ha fornito una solida piattaforma per girare su salite e correre su strade forestali. La F29 utilizza montanti da 32 mm, che erano sufficientemente rigidi per la maggior parte delle piste, ma su molte delle discese più lunghe del percorso - come la caduta ad alta velocità dall'altopiano proibito il 1 ° giorno, desideravo i tubi da 34 mm più robusti che Fox ora utilizza sui suoi 140 mm Forcelle 29er.

4 di 11 Ammortizzatore posteriore: Fox RP23

Questo shock è arrivato su Tallboy ed è stato un cavallo di battaglia per oltre un anno. Per la BC Bike Race, l'ho impostato con solo un pelo di pressione d'aria in più rispetto al normale e l'ho eseguito principalmente nella più solida piattaforma ProPedal. C'erano un paio di ragioni. Innanzitutto, con diverse migliaia di piedi di arrampicata ogni giorno (la sola quarta tappa aveva circa 6.500 piedi di guadagno verticale) volevo una piattaforma forte che mi permettesse di stare in piedi e battere sui pedali quando necessario. Inoltre, il corso di ogni giorno offriva almeno una discesa in cui la velocità superava le 40 miglia e l'ora, e nella maggior parte dei giorni abbiamo incontrato alcuni grandi successi. L'eccessiva pressione dell'aria ha impedito il duro declino.

Pedali 5 di 11: Shimano XT Trail

Scegliere tra il modello di trail XT wide body di Shimano o la versione XTR più leggera mi ha turbato prima della gara. L'ampio corpo in alluminio offrirebbe un appoggio sicuro, ma aggiungerebbe peso. Alla fine, ho deciso di andare con il pedale della piattaforma più grande, e sono felice di averlo fatto. Il materiale extra ha reso facile mantenere il controllo e l'equilibrio quando non è tagliato, utile in alcune discese ripide e scivolose o dopo aver trascinato un piede in un angolo stretto. L'ampia piattaforma dei pedali si è rivelata ancora più vitale quando si è riavviati dopo un'escursione in sella a una bici o dopo aver smontato per negoziare un tratto di pista irreprensibile. I pedali rilasciano fango eccezionalmente bene, ma con le tacchette intasate dallo sporco, la superficie extra dell'XT ha reso facile sgattaiolare con una corsa rapida e aumentare lo slancio prima di rientrare.

6 di 11 Reggisella: RockShox Reverb 7 di 11 Freni: Avid XO

Abbiamo iniziato la gara sotto la pioggia e i giorni iniziali includevano sezioni naturalmente con fango profondo sull'asse. Vi furono stretti tornanti intrecciati con radici e discese a bassa velocità su lastre di granito che richiedevano un preciso posizionamento delle ruote. I buoni freni erano essenziali. Questi modelli XO hanno funzionato magnificamente. A volte si sono uniti al coro di freni scricchiolanti che cantano lungo il percorso, ma oltre 200 miglia di corse, hanno offerto potenza costante e un controllo eccellente. Pur non essendo i più potenti freni da pista, fornivano una forza di arresto sufficiente che era facile da modulare. All'ultimo giorno, il mio rotore posteriore aveva bisogno di essere regolato e le pastiglie usurate dovevano essere sostituite, ma durante la gara, una volta non mi sono preoccupato dei miei freni. Avid ha recentemente introdotto versioni a quattro pistoncini di questi famosi freni e la potenza extra che offrono, con una penalità di peso minima, sarebbe il benvenuto su alcune delle discese più lunghe del percorso.

8 di 11 pneumatici: Continental Mountain King

Questa è stata un'altra decisione difficile. Prima della gara, avevo trascorso diverse settimane sulle veloci gomme Race King di Conti, ma un po 'di tempo umido poco prima della partenza mi ha convinto ad andare con i Mountain Kings più aggressivi. Mentre le ruote larghe da 2, 2 pollici rotolavano molto più lentamente su superfici lisce rispetto ai Race Kings, che ho notato nella lunga salita su strada forestale del primo giorno, il centro più pronunciato e le manopole laterali afferrarono tenacemente radici e rocce scivolose. Il battistrada ha anche scavato nelle morbide discese slanciate e si è messo bene sulle piste impervie che abbiamo corso giù a Squamish e Whistler. Ancora meglio, le gomme rilasciano bene il fango, il che è di fondamentale importanza nelle tappe più fangose ​​della gara a Campbell River e Powell River.

Casco 9 di 11: Giro Xar

Ci sono caschi più leggeri e meglio ventilati rispetto al Giro Xar, ma quelli sono progettati per le gare di sci di fondo. La BC Bike Race include miglia di piste XC frenetiche, ma include anche discese accidentate, tra cui una discesa Crank It Up, una pista piena di salti nel parco bici di Whistler. Per questo motivo, ho optato per il modello da trail di Giro, lo Xar. Ha una protezione maggiore rispetto ai coperchi XC piumati, ma a 340 grammi è ancora relativamente leggero. È anche comodo. E poiché le temperature non sono mai salite di 75 gradi, non ho mai desiderato una maggiore ventilazione.

Confezione da 10 di 11: Camelbak Charge LR

Questo nuovo design di Camelbak presenta una vescica unica a forma di delta che si adatta perfettamente alla parte bassa della schiena e ai fianchi. Ciò riduce la tensione sulle spalle e impedisce al pacco di rotolare. È il sistema di idratazione più comodo e stabile che abbia mai indossato. La carica ha spazio per solo 70 once di acqua, ma ogni fase della gara includeva due stazioni di aiuto. Poiché l'accesso alla vescica richiede la decompressione di un lembo basso sul pacchetto, che spesso era coperto di fango, riempire il serbatoio a volte era un affare disordinato. Lo spazio all'interno della confezione è limitato, ma potrei comprimerlo in un giorno di gara essenziale, tra cui una giacca antipioggia, un gilet, due tubi, due cartucce di CO2, leve dei pneumatici, un multi-strumento, un kit di patch, fiammiferi impermeabili, fischietto, bendaggi compressivi, cellulare e una manciata di colpi di Clif. Ho anche guidato ogni giorno con questi guanti slip-on Dakine Covert. Erano leggeri, comodi e si sono dimostrati abbastanza imbottiti da togliere il pungiglione dalle discese rocciose.

11 di 11 Avanti Più di una gara: 2012 BC Bike Race Foto e risultati Immagine